guarda i video su

pubblica direttamente tu su

diventa un collaboratore

 

 

 Mercati CortoBio 

Tutti i sabati presso il Parco dei "Comboniani" a Como-Rebbio, dalle 8 alle 12, è allestito il "CortoBio", il mercato dei produttori biologici e locali (via Salvadonica 3)
 

 

 

 

 

 

 

 Il Parlamento indaghi sull'omicidio Pasolini

Salviamo le api

 

 

 

 

 

sfoglia la bacheca su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 Tesseramento 2018
.
 
 
 
 

Le risposte dei candidati all’appello lanciato dal Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”

Elezioni Regionali: 2 candidati presidenti e alcuni candidati locali aderiscono al decalogo “ambientale”
Le adesioni di Gatti (Sinistra) e Violi (M5S) per le rispettive coalizioni, più candidati locali di: LeU, Lista Insieme per Gori, M5S

LOMBARDIA – Due candidati presidenti, a nome delle rispettive coalizioni, più alcuni candidati consiglieri, hanno aderito con convinzione al decalogo “ambientale” proposto nelle scorse settimane dal Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”, associazione che da 28 anni agisce sul territorio comasco, lecchese e della Brianza a tutela dell’ambiente.  
Le adesioni, valide per i rispettivi partiti, sono arrivate direttamente da (in ordine alfabetico): Massimo Gatti (Sinistra per la Lombardia) e Dario Violi (Movimento 5 Stelle).
Hanno poi aderito i seguenti candidati locali:
Daria Doria, Alberto Buccino, Ida Angela Sala, Gianluca Leo, Licia Viganò, Guido Rovi, candidate e candidati di Liberi e Uguali in prov. Como
Sonia Corrado, candidata del Movimento 5 Stelle in prov. Como
Luca D’Achille, candidato della Lista Insieme per Gori in prov. Lecco

Con l'appello/decalogo, il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” ha chiesto ai candidati al Pirellone di dimostrare il loro impegno a favore della tutela del territorio e dell’ambiente naturale, ma anche per la salute e i diritti. Gli impegni chiesti sono 10 punti, attraverso i quali i candidati si sono dichiarati a favore o meno delle proposte ambientaliste.

Al di là delle adesioni formali al Decalogo, l’auspicio degli ambientalisti è che i futuri consiglieri regionali pongano particolare attenzione alla tutela dell’ambiente, della salute, dei diritti.

CIRCOLO AMBIENTE “Ilaria Alpi”

Alzate B.za, 01 marzo 2018

Allegato: il decalogo “ambientale” predisposto dal Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”.


------------------------  


Si ricordano i punti del decalogo predisposto dal Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”:

o    TERRITORIO - consumo di suolo zero:
rivedere i contenuti della Legge Regionale sul consumo di suolo, allo scopo di non permettere ulteriori edificazioni e di cancellare nei PGT le previsioni edificatorie non attuate;  
nel contempo incentivare la ristrutturazione e la riqualificazione energetica degli edifici esistenti e delle aree dismesse;  stop a nuovi centri commerciali e all’ampliamento degli esistenti;   interventi per la prevenzione del dissesto idrogeologico

o    AMBIENTE NATURALE - tutela assoluta Parchi, aree protette e paesaggio:
salvaguardia assoluta dei Parchi e delle aree protette;  politiche di tutela e valorizzazione del paesaggio naturale come valore ambientale e culturale

o    LAGHI e FIUMI - salvaguardia di laghi e corsi d’acqua:
tutela e disinquinamento delle acque superficiali dei laghi, dei fiumi e dei reticoli idrici;  preservazione delle aree golenali

o    QUALITA’ DELL’ARIA - contenimento dell’inquinamento atmosferico:
adottare un Piano di emergenza per il risanamento della qualità dell’aria, in particolare attraverso politiche di mobilità sostenibile, di efficientamento energetico degli edifici e di contenimento dell’inquinamento industriale

o    ACQUA - gestione pubblica s.i.i. e tutela risorse idriche:
rivedere la legislazione regionale per favorire la gestione totalmente pubblica del servizio idrico integrato (nel rispetto del Referendum nazionale del 2011);  tutela delle risorse idriche attraverso la salvaguardia di sorgenti e falde

o    RIFIUTI - riduzione alla fonte; stop inceneritori/discariche:
introdurre politiche di riduzione alla fonte dei rifiuti prodotti, di aumento delle raccolte differenziate finalizzate al recupero di materia; politiche di riduzione dei quantitativi e della pericolosità dei rifiuti speciali; ridurre drasticamente il ricorso all’incenerimento e alle discariche

o    ENERGIA - efficienza energetica, energie rinnovabili:
incentivi per l’efficientamento energetico degli edifici pubblici e privati: coibentazione, fotovoltaico e solare termico;  nel contempo incentivi per la mappatura e la rimozione amianto

o    MOBILITA’ SOSTENIBILE - stop a nuove tangenziali e autostrade; potenziare il servizio ferroviario e le ciclovie
adottare politiche di mobilità sostenibile che escludano nuove tangenziali o autostrade;  sostegno al Trasporto Pubblico Locale e in particolare investimenti per migliorare e potenziare sia le infrastrutture ferroviarie che il servizio ferroviario (Regione Lombardia è azionista sia di FNM che di Trenord);  incentivi per la realizzazione di nuove ciclovie

o    AGRICOLTURA - sostegno all’agricoltura biologica:
incentivare il passaggio al biologico delle coltivazioni agricole; sostegno alla coltivazione dei prodotti tipici locali

o    LEGALITA’ - lotta alla corruzione e alle mafie:
prevenzione della corruzione (partendo dalla Regione stessa, dove nelle ultime legislature si sono avuti svariati casi di corruzione);  regole stringenti contro corruzione e mafie negli appalti e subappalti;  azioni di lotta alla criminalità organizzata

0
0
0
s2sdefault