guarda i video su

pubblica direttamente tu su

diventa un collaboratore

 

 

 Mercati CortoBio 

Tutti i sabati presso il Parco dei "Comboniani" a Como-Rebbio, dalle 8 alle 12, è allestito il "CortoBio", il mercato dei produttori biologici e locali (via Salvadonica 3)
 

 

 

 

 

 

 

 Il Parlamento indaghi sull'omicidio Pasolini

Salviamo le api

 

 

 

 

 

sfoglia la bacheca su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 Tesseramento 2018
.
 
 
 
 

PEDAGGIO A COMO: NONOSTANTE TUTTO, NOI ANDIAMO AVANTI!

10.600 FIRME E TANTE SEDIE VUOTE
 

Ancora una provocazione fascista sul nostro territorio

Nella notte tra sabato e domenica ignoti (ma non troppo) hanno imbrattato con una svastica uno dei cartelli, che l'Amministrazione Provinciale ha posto sul territorio del centro e alto lago, per ricordare gli avvenimenti della Liberazione dal nazifascismo. Purtroppo il ripetersi di questi vandalismi sia sul nostro territorio che in tanti altri luoghi, è il risualtato del lassismo che le autorità competenti, tutte, hanno mostrato in questi anni nei confronti delle organizzazioni neofasciste e neonaziste. Quest'anno si celebra il settantesimo della guerra di liberazione dalla dittatura fascista e dall'occupazione nazista e gli atti di provocazione sono aumentati in maniera esponenziale.

L'A.N.P.I. con tutte le forze democratiche e antifasciste chiedono con forza affinchè venga fatta rispettare la Costituzione e le leggi in vigore.

La segreteria provinciale dell' Associazione Nazionale Partigiani d'Italia

Per gli amministratori in risposta al governo che stanzia fondi per mettere il wifi nelle scuole.

Chi mi conosce sa dell'impegno che ho sempre portato avanti a livello locale nell'informare sull'attenzione che esiste nella comunità scientifica internazionale sulla diffusione e l'uso delle tecnologie wireless (e con queste si intende cellulari, telefoni cordless, wifi ecc..). Nel rispetto del principio di precauzione sancito dall'UE (art. 191) e ribadito in una risoluzione del 2011 (che mi risulta più volte sottoposta ad ulteriori richieste di aggiornamento ma ad oggi non superata) sono decisamente contraria ad azioni come quella così pomposamente pubblicizzata che porterà ad installare in maniera non controllata reti wifi nella scuola esponendo bambini e ragazzi ad un agente ambientale non ancora del tutto studiato nei suoi possibili effetti sulla salute. Effetti ad oggi già riconosciuti come patologie in alcuni Stati Europei e dimostrati sulle colture cellulari.

Come cittadina, come persona, sono contraria all'uso di soldi pubblici senza linee guida che garantiscano installazioni che siano il più possibile tutelanti la salute futura di organismi in crescita. E soprattutto nel caso di tecnologie spesso oggi installate ed accese ma poco usate, poiché prive di una esperienza e di un progetto didattico che le conduca ad un vero risultato positivo dal punto di vista educativo. Riempire le scuole di oggetti tecnologici, che peraltro hanno vita breve (qualche anno, dopodiché il loro valore commerciale e tecnologico diventa nullo), senza un chiaro progetto didattico e senza delle linee guida (ad esempio prevedendo condizioni che garantiscano sistemi che si accendano solo "al bisogno" e possibilità di leasing che mantengano il valore dell'investimento) mi sembra oltre che un'enorme spreco di denaro pubblico anche una azione eticamente scorretta.

Mi spiace che questa azione sia svolta anche da questo governo, soprattutto con tutto il bisogno che la nostra scuola ha di investimenti in edilizia scolastica (e questo è senz'altro positivo che si inizi a farlo), in sicurezza, in cultura, in adeguamento dei ruoli degli insegnanti che restano il fulcro del sistema scuola e nella modifica dei cicli scolastici che si aspetta da quando io, ormai cinquantatreenne, ero al liceo.
Resto disponibile per qualsiasi chiarimento in merito e auguro a tutti una buona giornata

Studi recenti di effetti sulle colture cellulari :    

    Güler G. et al. (2012) The effect of radiofrequency radiation on DNA and lipid damage in female and male infant rabbits. Int Journal of Radiation Biol. 88(4), 367-73.

    Burlaka A. et al. (2013) Overproduction of free radical species in embryonic cells exposed to low intensity radio fre- quency radiation, Experimental Oncology. 35, No.3

    Coraddu M. et al. (2015) Electromagnetic fields (EMF) biological and health effects and the MUOS case, Fresenius Environmental Bulletin. Vol. 25, No. 5a

I danni (genetici ed epigenetici) al DNA ed i radicali liberi sono fattori che entrano processo di cancerogenesi.
A presto e grazie per l'attenzione

Patrizia Signorotto
Fisico Sanitario

29 settembre/ sciopero di quattro ore linee Asf

quattro ore di sciopero unitario, martedì 29 settembre, dalle 10 alle 14, sulle linee asf. È la decisione presa a malincuore dai sindacati confederali lariani del trasporto. Motivo:
la scelta della società di non ricollocare i lavoratori diventati non idonei.
«La trattativa dura da maggio – spiega Marco Fontana, Filt Cgil – la risposta dell’azienda è sempre stata negativa». Casus belli: un autista di quarantanove anni con più di dieci di servizio in Asf.
Dichiarato non idoneo, a fine malattia sarà licenziato. «Siamo costretti, e ci spiace con l’utenza per i disagi futuri, ma non abbiamo avuto altra scelta. Gli autisti parleranno con l’utenza e spiegheranno la posizione. La nostra azione è mirata a scongiurare
altri possibili licenziamenti di non idonei. Quindi, l’episodio singolo, seppur con le sue specificità, è importante per il futuro».
Nei prossimi giorni continueranno le assemblee; il sentore, però, è di un’adesione massiccia allo sciopero. «Asf ha cinquecento dipendenti e produce utile – aggiunge Mario Lovergine e Lorenzo Trombetta, componente e segretario territoriale Fit Cisl –. Il licenziamento non è illegittimo, riteniamo però sia importante ricollocare i lavoratori non idonei all’interno della società».
Le organizzazioni hanno inviato una richiesta d’incontro all’assessore ai Trasporti Gerosa, il presidente provinciale Livio, il presidente Spt holding Viganò, il presidente Asf Coarezza e il presidente Consorzio pubblici trasporti Como Mascetti. «Il sentore – concludono le Rsu Pasquale Vasta e Antonio Parziale – è che, se le cose non si sistemeranno, le proteste proseguiranno».

Proposte alle scuole 2015-2016

Questa presentazione raccoglie le proposte che la sezione didattica dell’Istituto per la Storia
Contemporanea “Pier Amato Perretta” di Como rivolge ad alunni ed insegnanti delle scuole primarie
e secondarie di primo e secondo grado della provincia.
Le proposte sono elencate seguendo il calendario civile: viene indicato a margine il periodo storico di
riferimento Ogni proposta viene sviluppata attraverso una programmazione coordinata e concordata
con gli insegnanti ed, eventualmente, gli studenti.

MARONI AL WORK SHOP AMBROSETTI: "LA TANGENZIALE DI COMO SI PAGA! PUNTO E BASTA!". IN TUTTA LA PROVINCIA SI ODE IL CORO UNANIME DEI FEDELISSIMI LEGAIOLI: "GRAZIE LEGA!!!!!".

La notizia riportata oggi da "la Provincia" è più che mai da prima pagina.
Dopo settimane passate a promettere che la tangenziale di Como sarebbe stata gratuita, ieri Maroni (presente a Cernobbio per l'annuale incontro organizzato dalla Fondazione Ambrosetti) ha finalmente tolto la maschera anunciando che al contrario, in realtà, la tangenziale sarà invece a pagamento.
Ancora una volta (come sempre) la Lega, il partito che doveva restituirci i soldi levati dalle nostre tasche da "Roma ladrona", si conferma in realtà di essere ancora più ladrona di Roma.
Ormai se ne sono accorti tutti, a parte i fedelissimi sostenitori legaioli che, nonostante tutto, continuano ad intonare il consueto unanime coro di sempre: "GRAZIE LEGA!!!".
Grazie di che? Non si sa! Ma comunque: GRAZIE! A prescindere, come direbbe Totò.
E come spiegarsi tanta inspiegabile riconoscenza? Probabilmente venerdì sera al Campo Solare Salvini avrà chiarito al buon Maroni ed ai 600 legaioli presenti che senza i soldi che loro leveranno dalle nostre tasche attraverso il pedaggio della tangenziale, non potrebbero pagare la benzina per le ruspe!
E i legaioli come avranno risposto? "A beh, allora ...... GRAZIE LEGA!".
Ma si va: "Grazie Lega a prescindere".
Claudio Bizzozero
sindaco libero
del comune departitizzato di Cantù

FERROVIA COMO-LECCO: NIENTE LAVORI PER LA SISTEMAZIONE DEI BINARI!

RFI beffa i pendolari: i treni sono stati cancellati tutto agosto, senza che i lavori siano stati eseguiti!

In data 29 aprile, in seguito a richiesta di incontro, il Comitato Pendolari è stato convocato in Regione, accompagnato dal dott. Mirko Baruffini, Consigliere con delega ai trasporti della Provincia di Como, in rappresentanza del territorio.

In quell'incontro RFI annunciò ufficialmente che, pur avendo altre priorità su linee più frequentate, aveva ottenuto finanziamenti per un minimo di manutenzione che avrebbe garantito alla linea di continuare a "stare in vita". 

In un successivo incontro, tenutosi il 17 giugno, organizzato dalla Cons. Daniela Maroni con la presenza dell’Assessore Sorte, davanti a una platea di sindaci del territorio, oltre ai Consiglieri con delega ai trasporti della Province di Como e Lecco, Comitato Pendolari Como-Lecco ed altre associazioni come il Circolo Ambiente Ilaria Alpi, la Legambiente di Cantù e le associazioni COMOinTRENO e Club Treni Brianza, presenti all'incontro per collaborare, ognuno per la sua “specializzazione” alla manifestazione da organizzare a settembre presso la stazione di Alzate-Brenna (la fiera secolare di Alzate Brianza), è stato ribadito lo stesso impegno evidenziato sopra.

Questo quanto dichiarato: “I lavori saranno effettuati quest'anno sfruttando la chiusura della linea per l'intero mese di agosto e, una volta terminati, miglioreranno l'indice di affidabilità nonostante questo sia già a buoni livelli".

Leggi tutto: FERROVIA COMO-LECCO: NIENTE LAVORI PER LA SISTEMAZIONE DEI BINARI!

CONCORSO DI PITTURA sull’ABBRACCIOSOFIA DEL BUONUMORE “Coltiva il Bellessere nella tua vita e gli altri per magia ne beneficeranno”

Il mondo è pieno di Bellezza di cui essere grati, una bellezza da riconoscere e da coltivare con piccoli gesti quotidiani. Ogni persona ha la sua bellezza interiore da curare con attenzione e amore. Il Bellessere è l’arte di coltivare la propria bellezza, i propri talenti spirituali che rendono migliori noi stessi e il mondo.  Cerchiamo opere d’arte dipinte col cuore, che suscitino emozioni e che trasmettano questo spirito con semplicità.
Arte solidale
Le opere prescelte, per libera volontà degli artisti, potranno eventualmente essere donate (oppure ritirate alla fine della rassegna) e messe all’asta per favorire la diffusione del Buonumore e della pratica degli Abbracci con il
contributo di Stringhe colorate (associazione di volontariato) e dei Clown sociali che ogni settimana si occupano di bambini e anziani negli ospedali e nelle residenze sanitarie per anziani.
Un grande Grazie anticipato a tutti gli artisti che prenderanno parte a questo concorso. La partecipazione al concorso consente l’uso dell’immagine dell’opera per iniziative sociali.
Riservato ai giovani fino ai 99 anni e oltre.
Per valorizzare il talento artistico giovanile evidente o nascosto in ciascuna persona e a qualsiasi età, si promuove un concorso per opere su tela di formato 70 x 100 sul tema degli abbracci tra le persone, degli abbracci alle piante, alla natura e delle coccole agli animali, in una visione olistica dell’abbraccio inteso come nutrimento del corpo e dello spirito.
Il tema del concorso, che rientra nell’iniziativa Nutri-Menti (promossa in memoria di Marco Riva -www.premiomarcoriva.com)), è illustrato nel libro curato da Alberto e Giulia Terzi, edito da la Meridiana (www.lameridiana.it)

Leggi tutto: CONCORSO DI PITTURA sull’ABBRACCIOSOFIA DEL BUONUMORE “Coltiva il Bellessere nella tua vita e gli...

Legambiente Como - La revisione dei Piani Di Cava Provinciali è urgente e non più rinviabile

In merito al recente accordo economico Italia-Svizzera sui materiali inerti escavati e rivenduti ed il ritorno di
rifiuti (definiti non pericolosi dalla Confederazione Elvetica) all'Italia, il Circolo di Como di Legambiente,
nell’ambito e nel merito delle sue competenze e del suo ruolo, esprime le seguenti considerazioni.
Sottolineiamo che le assemblee pubbliche di mercoledì 15 aprile a Faloppio, e di giovedì 23 aprile a Ronago
sono state convocate solo dopo l’avvenuta firma dell’accordo. Riteniamo che l’informazione corretta della
cittadinanza e la sua partecipazione reale nei processi di gestione e controllo siano fondamentali e debbano
essere rispettati.
Pensiamo che il transito di numerosi camion in uscita e in entrata metta a rischio seriamente il territorio, dal
punto di vista ambientale e soprattutto sanitario, per l’impossibilità concreta di controllare tutto quanto
passerà sulle nostre strade e la mancanza di presidi adeguati e rigorosissimi per il controllo e il
contenimento delle polveri e degli scarichi.

Leggi tutto: Legambiente Como - La revisione dei Piani Di Cava Provinciali è urgente e non più rinviabile

Slc Cgil POSTE: NO AL DOCUMENTO DELLA REGIONE

Como, 11 maggio 2015 - Dopo un'attenta analisi del documento provvisorio della Regione Lombardia, redatto per contrastare le chiusure degli uffici postali in provincia, la Slc lariana rileva una sottovalutazione del danno che, se confermate, le scelte di Poste Italiane arrecheranno al territorio. «L'unico segnale positivo – afferma il segretario provinciale Giovanni Fagone - arriva per la Tremezzina e solo perché la scelta aziendale era in contrasto con la legislazione vigente. Nessun rilievo
viene suggerito per gli uffici di Como tre e Bulgorello per il quale  l'azienda, oltre ad aver fatto lavori di sicurezza e
ammodernamento, aveva registrato una forte protesta e una grande mobilitazione dei cittadini». Preoccupa la totale mancanza di analisi per tutti gli uffici chiusi a giorni alterni che, da sempre, determinano i maggiori disagi per i cittadini. «Tutta la zona Como lago Est – rincara Fagone - dal punto di vista morfologico e già sinonimo di criticità viabilistiche che, sommate alla chiusura alternata degli uffici ,amplificherà le problematiche soprattutto per i disabili e gli anziani». La Provincia di Como, se Poste Italiane non muterà il progetto industriale , vedrà ridotta la sua capacità di servizio. «Negli ultimi
5 anni – conclude Fagone - sono stati soggetti a chiusura alternata già quaranta uffici e sempre nelle stesse aree. Chiediamo a Regione Lombardia che, oltre a un confronto con i sindacati, assuma l'impegno di modificare il piano Poste Italiane nell'interesse di tutti, cittadini e lavoratori. A questo proposito, domani il consiglio si riunirà e discuterà della situazione».

Il Comitato pendolari annuncia la programmazione dei lavori di sistemazione del binario tra Cantù e Merone

FINALMENTE I FINANZIAMENTI PER SISTEMARE I BINARI DELLA FERROVIA COMO-LECCO

In data 29 aprile, in seguito a richiesta di incontro, il Comitato Pendolari, è stato convocato in Regione, accompagnato dal dott. Mirko Baruffini, Consigliere con delega ai trasporti della Provincia di Como, in rappresentanza del territorio.
Tema principale dell'incontro era: "Lavori di sistemazione sulla linea ferroviaria Como-Lecco".
Come da comunicazione ufficiale di Rfi i lavori sui binari infatti non erano programmati per l'anno 2015 in quanto privi di finanziamento per cui il Comitato Pendolari, temendo la chiusura della linea (come già successo per altre linee ferroviarie), ha insistito per essere ricevuto in Regione per ridiscutere la questione. Nel frattempo anche i Consiglieri Regionali Gaffuri e Straniero hanno presentato interrogazione avente ad oggetto tali lavori.
Rfi ha altre priorità su linee più frequentate, ma ha garantito finalmente di avere ottenuto finanziamenti per un minimo di manutenzione che garantisca alla linea di continuare a "stare in vita".
I lavori saranno effettuati durante l'intero mese di agosto e, una volta terminati, dovrebbero poter migliorare l'indice di affidabilità e permettere di ridurre i ritardi costanti oramai dall'ottobre 2013.
Un primo passo è stato fatto grazie anche al coinvolgimento del territorio: ad oggi l'Odg proposto dal Comitato Pendolari e dal Circolo Ambiente Ilaria Alpi, è stato approvato da ben 17 comuni e dalle Province di Como e Lecco: gli ultimi comuni in ordine di tempo ad avere approvato la delibera sono i Comuni di Lecco il 15 aprile e Oggiono il 29 aprile.

Leggi tutto: Il Comitato pendolari annuncia la programmazione dei lavori di sistemazione del binario tra Cantù...

Sono aperte le iscrizioni a "L'oasi che c'è"!Da giugno a settembre sei campi estivi per bambini a Montano Lucino, Bregnano e Mariano Comense

COSA SONO - I campi estivi L’oasi che c’è sono un’esperienza divertente e formativa, a contatto diretto con la natura, che coinvolgerà i bambini in laboratori, giochi e attività per riscoprire il legame con la terra e imparare a rispettare i limiti del nostro pianeta. Ogni settimana è dedicata a un tema che ci guiderà attraverso le diverse proposte: a seconda delle settimane, raccoglieremo i frutti di bosco, coltiveremo l’orto, scopriremo come nasce il miele, lavoreremo la creta, cucineremo, ricicleremo la carta e conosceremo la Natura usando la nostra creatività e le nostre emozioni.

DOVE E QUANDO -

MONTANO LUCINO (Apicoltura Apipoli, Strada Consortile delle Selve 1)
Dal 15 al 19 giugno: LE API E IL MIELE
Dal 31 agosto al 4 settembre: SALVIAMO LE API!

BREGNANO (Casa del Sole, Viale Kennedy 70)
Dal 6 al 10 luglio: QUEST’ESTATE FACCIO L’ORTO!

MARIANO COMENSE (Scuola D. Alighieri, Via dei vivai 12)
Dal 24 al 28 agosto: RIDUCO! RIUSO! RICICLO!
Dal 31 agosto al 4 settembre: GIOCARE CON GUSTO
Dal 7 all’11 settembre: GLI ALBERI

Leggi tutto: Sono aperte le iscrizioni a "L'oasi che c'è"!Da giugno a settembre sei campi estivi per bambini a...

ANPI - LETTERA APERTA AL DIRETTORE DE "LA PROVINCIA" - l’ennesimo tentativo di delegittimare e screditare la Resistenza

Egr. Direttore,
abbiamo letto il Suo editoriale pubblicato domenica 26 aprile (dal titolo “La grande rimozione di tutti i 25 aprile”) e con il massimo rispetto, Le diciamo che non ci è piaciuto. Il Suo intervento si inserisce purtroppo nell’ennesimo tentativo di delegittimare e screditare la Resistenza. Peraltro, non ci stupiscono le opinioni che Lei espone, in quanto coincidono in buona parte con quelle che il Sig. Giampaolo Pansa ci propina con i suoi libri.
Siamo inoltre convinti che oggi sia facile introdurre teorie storicamente revisioniste, perché tenere viva la Memoria storica della guerra di Liberazione  in un paese come l’Italia, è diventato disgraziatamente un esercizio scarsamente praticato, soprattutto per le giovani generazioni.

Certo, Lei ha ovviamente ragione quando sostiene che gli angloamericani hanno aiutato il nostro paese a liberarsi dai nazifascisti, risalendo la penisola dalla Sicilia. Tuttavia, Lei non può omettere o sovvertire  che, soprattutto nel centro e nord Italia, furono i partigiani in armi a combattere e a sfiancare lo spietato occupante nazista e i fascisti di Salò che si erano posti al servizio di SS e Hitler. Inoltre, Le rammentiamo che la maggior parte delle città del nord Italia furono liberate grazie all’insurrezione degli operai e alla lotta dei partigiani, guidati militarmente e politicamente dal Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia.  Questi sono fatti storici incontrovertibili.

Leggi tutto: ANPI - LETTERA APERTA AL DIRETTORE DE "LA PROVINCIA" - l’ennesimo tentativo di delegittimare e...

m5s - Pedemontana Tratti A, B1 e Tangenziali VA e CO. Sì a mozione che chiede compensazioni ambientali e inedificabilità aree limitrofe

Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato una mozione del M5S che chiede diattivare un tavolo tecnico-politico tra Regione e società Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A con la finalità di sollecitare e verificare periodicamente l’effettiva realizzazione di tutte le opere di mitigazione e compensazione ambientale previste per le tratte A e B1, la Tangenziale di Varese e il primo lotto della Tangenziale di Como”, “prevedere l’attivazione di un sistema di monitoraggio con la finalità di verificare con cadenza trimestrale lo stato di avanzamento” di queste opere e di promuovere l’elaborazione di uno strumento di pianificazione strategica “che preveda la definizione di una ampia fascia di inedificabilità sui due lati dell’infrastruttura”.

Leggi tutto: m5s - Pedemontana Tratti A, B1 e Tangenziali VA e CO. Sì a mozione che chiede compensazioni...

Rete comasca disabilità ha avviato la sperimentazione di un nuovo servizio di sportello informativo

E' attivo dal 16 marzo 2015, un servizio di sportello informativo di Rete Comasca Disabilità, realizzato grazie alla messa in rete delle risorse delle associazioni che ne fanno parte. La prima sperimentazione sarà realizzata grazie al progetto S.A.I.? (Servizio Accoglienza Informazione) di  ANFFAS Onlus di Como, alla messa a disposizione del numero di servizio di AISLA Como e allo sportello dell’Associazione Arcobaleno Onlus.


Per utilizzare il servizio e accedere a informazioni relative al mondo della disabilità e a come orientarsi sul territorio comasco è oggi possibile scegliere tra varie opportunità, anche in base alle problematiche specifiche e all’area geografica:

    rivolgersi alla Sede ANffAS Onlus di Como di Via Sirtori 5, il lunedì e il venerdì dalle ore 9.00 alle ore 11.00. Per informazioni telefoniche o prenotazione di un appuntamento telefonare o inviare un fax al numero  031266148. Per contatti via email scrivere all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;

Leggi tutto: Rete comasca disabilità ha avviato la sperimentazione di un nuovo servizio di sportello informativo