guarda i video su

 


pubblica direttamente tu su

diventa un collaboratore

 

 

 Mercati CortoBio 

Tutti i sabati presso il Parco dei "Comboniani" a Como-Rebbio, dalle 8 alle 12, è allestito il "CortoBio", il mercato dei produttori biologici e locali (via Salvadonica 3)
 

 

 

 

 

 Il Parlamento indaghi sull'omicidio Pasolini

Salviamo le api

 

 

 

 

 

 

 

 

sfoglia la bacheca su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 Tesseramento 2018
.
 
 
 
 

Si tratta di un gruppo di persone che ritiene di non poter seguitare a tacere sui disservizi delle aziende dei trasporti della provincia di Como per quanto attiene alle persone con disabilità

COMUNICATO STAMPA

Sabato 16 gennaio è nato un bambinello: non ha ancora un nome ma strillava forte e faceva precise richieste
Si tratta di un gruppo di persone che ritiene di non  poter seguitare a tacere sui disservizi delle aziende dei trasporti della provincia di Como per quanto attiene alle persone con disabilità

Rocco, che ha posto il problema a causa del suo bisogno giornaliero di recarsi al lavoro con i mezzi pubblici da Bregnano a Cantù, ha voluto evitare la solita protesta solitaria che dà risultati provvisori e precari ed ha cercato qualcuno con cui condividere sia le motivazioni che il disappunto che da tempo lo animano
Dall’incontro sono scaturite alcune idee che si concretizzano in alcuni obiettivi pratici e altri momentaneamente solo teorici

1. chiedere un incontro formale alle aziende dei trasporti che operano nella provincia di Como
2. pubblicizzare le varie fasi che precedono e che seguono questo incontro e quelli che verranno
3. cercare il coinvolgimento di quei soggetti che nel nostro territorio sono interessati all’argomento
4. strappare dall’ignavia e dalla pigrizia gli enti pubblici territoriali ai quali dobbiamo tanto disagio

L’incontro con le aziende dei trasporti ha lo scopo, oltre che di conoscerne la dirigenza, di presentare le seguenti richieste alcune delle quali già presenti peraltro nella Carta dei Servizi dell'ASF:

a. manutenzione periodica e regolare delle pedane e degli apparati meccanici collegati, atti alla fruizione dei mezzi pubblici anche da parte delle persone con disabilità (spesso non funzionano)
b. formazione tecnica (frequentemente l’autista non conosce il funzionamento degli apparati tecnici) ed etica (ci sono segnalazioni di scarsa disponibilità) del personale viaggiante
c. adattamento di alcune fermate principali (facilitazione delle operazioni di salita e discesa dal mezzo di trasporto, riparo dalle intemperie, accesso alla fermata) e loro regolare manutenzione
d. garanzia di un servizio regolare su linee e orari stabiliti, nel caso di cittadini con disabilità che lo richiedano per comprovate esigenze (scolastiche, lavorative, curative, ecc.)
e. incontri periodici tra aziende di trasporto pubblico e enti preposti e associazioni richiedenti, per monitorare il buon andamento del servizio

Il ricorso a manifestazioni più o meno disturbanti è tenuto in conto nel caso di risposte disorientanti o mancate, o intollerabili ritardi.