guarda i video su

 


pubblica direttamente tu su

diventa un collaboratore

 

 

 Mercati CortoBio 

Tutti i sabati presso il Parco dei "Comboniani" a Como-Rebbio, dalle 8 alle 12, è allestito il "CortoBio", il mercato dei produttori biologici e locali (via Salvadonica 3)
 

 

 

 

 

 Il Parlamento indaghi sull'omicidio Pasolini

Salviamo le api

 

 

 

 

 

 

 

 

sfoglia la bacheca su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 Tesseramento 2018
.
 
 
 
 

I morti di Lampedusa - comunicato di Emergency

I morti di oggi a Lampedusa (mentre scriviamo sono cento) vanno ad aggiungersi agli altri 20mila che sono morti nel Mediterraneo negli ultimi vent'anni. Fino a quando considereremo naturale che il mar Mediterraneo sia il più grande cimitero del mondo? Fino a quando accetteremo di tenerci politiche migratorie criminali, che trasformano i disperati in clandestini, e per questo delinquenti? Fino a quando lasceremo che chi scappa dalla guerra e dalla miseria abbia, come unica possibilità, quella di affidarsi a uno scafista che poi li butta in mare a frustate? Fino a quando accetteremo di essere corresponsabili di una strage quotidiana di donne, uomini, bambini la cui unica colpa è inseguire la speranza di una vita migliore? Fino a quando Lampedusa e gli altri porti di sbarco saranno lasciati soli a seppellire i morti, nell'indifferenza dell'Italia e dell'Europa?

Leggi tutto: I morti di Lampedusa - comunicato di Emergency

EMERGENCY SI UNISCE ALLA GIORNATA DEL 7 SETTEMBRE: "MAI PIÙ GUERRA!"

EMERGENCY, un'organizzazione laica che ogni giorno guarda in faccia l'orrore dei conflitti, non può che riconoscersi nelle ferme parole di Papa Francesco: "Mai più #guerra!".

Sabato 7 settembre, EMERGENCY parteciperà alla giornata per la #pace. Lo faremo nel nostro modo, stando dalla parte delle vittime: in Iraq, dove ogni giorno restituiamo gambe, braccia e dignità ai mutilati di guerra; in Italia, dove i nostri medici prestano le prime cure ai profughi, tra cui molti siriani, che sbarcano sulle nostre coste; lo faremo in Afghanistan, dove quest'anno abbiamo ricevuto oltre il 50% di feriti in più rispetto all'anno scorso - se mai servisse un'altra prova del fatto che le guerre non portano mai la pace, ma aggravano lutti e violenze.

Leggi tutto: EMERGENCY SI UNISCE ALLA GIORNATA DEL 7 SETTEMBRE: "MAI PIÙ GUERRA!"

Rosa Bianca - Scuola estiva di formazione

“Noi non taceremo” …
ancora

28 Agosto – 1 settembre 2013 - Terzolas (TN)

* «Noi non taceremo, noi siamo la voce della vostra cattiva coscienza. La Rosa Bianca non vi darà pace» scrivevano nel quarto volantino i giovani della Rosa Bianca tedesca. Altre parole da far riecheggiare le ritroviamo tra gli scritti di Hans Scholl: «Dalle macerie risorge alla luce il nuovo spirito. Ma il quotidiano è contraddizione. Macerie e luce nello stesso tempo». E’ un invito alla memoria e a tracciare nuovi itinerari a 70 anni dal martirio della Weisse Rose.

Leggi tutto: Rosa Bianca - Scuola estiva di formazione

Burattini e Resistenza

Elis Ferracini di Busto e Maurizio Mantani di Bologna, da oltre vent'anni burattinai, hanno realizzato nel luglio 2013 lo spettacolo "una Storia d'Imelda".

Propongono tale produzione come un altro modo di incontrare la Storia e favorire l'avvicinamento alle tematiche del fascismo, della lotta partigiana, delle ragioni e delle contraddizioni del nostro presente.

Leggi tutto: Burattini e Resistenza

richiesta informazioni urgenti di Teatro (in)Civile

ciao a tutti

siamo la coppia di UltimoTeatro

vi scriviamo per aggiornarvi su i nostri spostamenti e per proporvi

due spettacoli teatrali (+1 per il futuro) ..

sperando che possano essere di vostro interesse mettiamo sotto alcune info su gli spettacoli che saranno con noi:


RESTIAMO UMANI dedicato alle vittime del conflitto sionista

 

IL MAIALE E L'AIUTO CHEF dedicato all'alimentazione ed adatto ai bambini ed ai loro genitori

 

Leggi tutto: richiesta informazioni urgenti di Teatro (in)Civile

Diritti contro bonus: maternità e lavoro, un problema sempre aperto.

di  Tonina Santi           

In Italia la questione della conciliazione per favorire il lavoro femminile nasce nel 1991 con la legge 125, nella quale si prevede l'adozione di misure atte a rimuovere gli ostacoli che di fatto impediscono la realizzazione di pari opportunità: le azioni positive, appunto. Si riconosce dunque che il sistema organizzativo del mondo del lavoro e le politiche sociali devono realizzare innovazioni aziendali, anche in termini di orari e servizi di sostegno – dai nidi ai servizi scolastici - alle madri lavoratrici. Alle famiglie insomma.

            Dopo 22 anni, rispetto a questo tema, possiamo dire che sulla conciliazione non si sono fatti significativi passi avanti.

Leggi tutto: Diritti contro bonus: maternità e lavoro, un problema sempre aperto.

Primo Levi partigiano

La furia autodistruttiva della nostra Repubblica non pare avere limite alcuno. E' una furia che si sviluppa su più piani, anzitutto su quello culturale, che ha sempre costituito l'ossatura delle idee politiche vere e proprie e quindi dell'azione di governo.
L'invito che vi rivolgo è di leggere con estrema attenzione questo testo di Alberto Cavaglion, che recensisce un libro di Sergio Luzzatto che ha per oggetto la vita partigiana di Primo Levi.

“Completando, con un magistrale intervento sulla Prima pagina della Stampa di oggi, il lavoro critico aperto su Pagine Ebraiche dello scorso mese, Alberto Cavaglion getta nuova luce sulla frettolosa operazione condotta dallo storico Sergio Luzzatto che con “Partigia” pone sul banco degli accusati Primo Levi e i suoi compagni partigiani.” Leggi il resto.

Leggi tutto: Primo Levi partigiano

Piano Nazionale contro la violenza femminicida e il maschilismo

Vi invio un progetto messo a punto da Geniodonna per un Piano Nazionale che introduca nelle scuole, da quelle dell'obbligo all'università, una nuova materia, gestita da insegnanti appositamente preparati, Sociologia delle relazioni sentimentali fra i generi che  educhi e insegni i valori di parità, uguaglianza, libertà come fondamenta dei rapporti affettivi fra i generi: sarà questo un oggettivo contrasto alla cultura maschilista dell'amore-possesso, della superiorità maschile e delle soggezione femminile da cui scaturisce la violenza fino al femminicidio.

Leggi tutto: Piano Nazionale contro la violenza femminicida e il maschilismo

TANGENTI SULLA VENDITA D’ ARMI : QUANTO VA AI PARTITI?

Padre Alex Zanotelli ha lanciato un APPELLO dal titolo : TANGENTI SULLA VENDITA D’ ARMI : QUANTO VA AI PARTITI?

L'appello ha due scopi:

  1. Una richiesta al parlamento affinchè istituisca  una commissione incaricata di investigare la connessione tra vendita d’armi e politica che elimini il Segreto di Stato su tali intrecci.
  2. Un appello a tutti i gruppi, associazioni, reti, impegnati per la pace, a mettersi insieme, a creare un Forum nazionale come è stato fatto per l’acqua.

Per sottoscrivere l'appello di p. Alex si può cliccare sul seguente link:

http://www.ildialogo.org/appelli/MaleOscuro_1369771177.htm

Leggi tutto: TANGENTI SULLA VENDITA D’ ARMI : QUANTO VA AI PARTITI?

Via il patto di stabilità per i piccoli comuni - On. Guerra: “Occorre pagare le imprese, riprendere ad investire e ridare fiato all’economia”

Il Governo, nella seduta di ieri alla Camera in sede di conversione in legge del d.l. 35/2013 sullo sblocco dei pagamenti della P.A., ha accolto un ordine del giorno a prima firma dell’on. comasco Mauro Guerra, Coordinatore nazionale ANCI dei piccoli Comuni, che impegna il Governo stesso "ad individuare con urgenza le modalità con le quali escludere totalmente dai vincoli del Patto di stabilità interna i comuni con popolazione tra 1000 e 5000 abitanti".

Leggi tutto: Via il patto di stabilità per i piccoli comuni - On. Guerra: “Occorre pagare le imprese,...

GIOCO D’AZZARDO – Chiara Braga (PD): “ Presentata una proposta di legge per regolamentare e disincentivare il gioco d’azzardo ”

( Roma, 02 maggio 2013 ) “I dati dimostrano che nel nostro Paese è in sensibile crescita il numero di persone affette da patologie legate al gioco d’azzardo. Ed è paradossale che nei periodi di maggiore crisi gli italiani si rivolgano sempre più al gioco d’azzardo alla ricerca della vincita che possa cambiare loro la vita correndo il rischio di cadere in un vortice patologico in grado di mandare sul lastrico intere famiglie, minandone la vita sociale e lavorativa”. Lo dichiara l’onorevole del PD, Chiara Braga intervenendo sulla questione del gioco d’azzardo, una pratica che in Italia conta già 800 mila giocatori patologici e 3 milioni a rischio di ludopatia, recentemente fatta oggetto di una proposta di legge sottoscritta dall’esponente comasca.  

“L’industria del gioco sembra non conoscere alcuna crisi” - afferma la deputata comasca che chiarisce come “le stime più recenti fornite dall’Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato, segnalano per il comparto dei giochi una raccolta di oltre 80 miliardi l’anno; il solo costo sanitario annuale per curare le persone dipendenti dal gioco patologico ammonta a 5-6milairdi di euro, mentre il gettito erariale generato ammonta a 8 miliardi di euro”.

 

Leggi tutto: GIOCO D’AZZARDO – Chiara Braga (PD): “ Presentata una proposta di legge per regolamentare e...

4 MAGGIO 2013 - BOLOGNA - Assemblea nazionale di Salviamo il Paesaggio

Care Amiche e Cari Amici,

come già sapete, sabato 4 maggio (dalle ore 9,30 fino alle ore 18) il nostro Forum nazionale terrà la sua terza assemblea; la città prescelta, questa volta, è Bologna: ci auguriamo possa consentire logisticamente l'arrivo da ogni parte d'Italia di singoli aderenti, dei referenti dei nostri 141 Comitati Salviamo il Paesaggio locali e dei rappresentanti delle 894 organizzazioni che danno vita alla nostra grande aggregazione.

Leggi tutto: 4 MAGGIO 2013 - BOLOGNA - Assemblea nazionale di Salviamo il Paesaggio

Una mozione ed un Progetto di Legge per sbloccare i pagamenti dovuti alle Imprese dalle Pubbliche Amministrazioni

On. Mauro Guerra: “Occorre intervenire subito per ridare fiato e liquidità agli operatori economici e possibilità di investimento per i Comuni.
No al patto di stabilità per le Amministrazioni fino a 5.000 abitanti”

Adottare tutte quelle misure urgenti che consentano di sbloccare, sottraendoli ai vincoli del patto di stabilità interno, i  pagamenti dei Comuni per un importo pari a circa 9 miliardi da impegnare per spese in investimenti e opere, prevedendo un piano di smaltimento di tutti i residui passivi in linea con quanto previsto per le altre Pubbliche Amministrazioni; rivedere le regole che disciplinano lo stesso Patto di stabilità interno prevedendo il “Pareggio di bilancio” per le spese correnti al fine di consentire la ripresa degli investimenti da parte dei Comuni stessi; escludere dall’ambito di azione del patto di stabilità i Comuni con meno di 5.000 abitanti.

Leggi tutto: Una mozione ed un Progetto di Legge per sbloccare i pagamenti dovuti alle Imprese dalle Pubbliche...

Francesco I è un nome da re e che re

Mi chiedo come mai, tutti, a destra, a sinistra, in alto e in basso, non abbiano fatto caso ad una verità lampante: Francesco I è un nome da re e che re. Vissuto nella Francia del 1500, è stato un re che ha lasciato monumenti insigni e avviato la centralizzazione spinta della nuova nazione. Ha perso una battaglia pavia contro Carlo V , "tutto è perduto fuorchè l'onore" , ha subito una lunga detenzione a Madrid. Riscattato ha accompagnato sul letto di morte una grande star del tempo , Leonardo da Vinci che presso di lui ha passato l'ultima parte della sua vita. Sarebbe da stolti prendere un cardinale, Jorge Bergoglio, per un ignorante , veramente da stolti, avere gli occhi foderati di prosciutto.
Bergoglio, uomo di chiesa, della chiesa più conservatrice, compromesso fino in fondo nelle porcaherie, atrocità disumane, della giunta militare negli anni Settanta nel suo paese, in un libro e, cercando in rete, soprattutto in lingua spagnola, si trovano migliaia di pagine, ha persino, di questo è stato accusato nei tribunali, di aver indicato gli obiettivi ai militari. Almeno nel caso di due gesuiti che operavano nelle favelas di Buenos Aires, Bergoglio li avrebbe praticamente denunciati, costoro sono stati arrestati e torurati, uno di loro è morto in seguito alle atrocità subite.

Leggi tutto: Francesco I è un nome da re e che re

La rivoluzione rurale per una innovazione sociale.

La città ha sempre avuto paura della gente di campagna, ne ha avuto paura temendone le intemperanze, le numerose rivolte che fin dall'epoca romana hanno squassato il "mondo civile".

Rivolte dei pezzenti, jacqueries, pugacevscine: tanti nomi per definire un fenomeno che ha posto la questione della diversità della ruralità, della radicale opoosizione che, spesso, ha contrapposto questi due mondi.

Un radicato pregiudizio che persiste a tutt'oggi, individua nella gente di campagna la retroguardia e la Vandea più nera, il vero ricettacolo di ogni conservatorismo e dei più beceri. Nel linguaggio delle principali lingue europee il contadino, appunto, abitante del contado, ovvero "fuori" dal centro, dal borgo, è dipinto come il diverso, il non affidabile, l'elemento o folcloristico, clown viene da "colonus", oppure il selvaggio, lo zotico, il bifolco, il cafone, il villano, il terrone e via elencando.

Le lingue sono state codificate dalla gente di città, il borghese ha eletto se stesso a modello di equilibrio e di saggezza, i suoi costumi sono stati eletti a soli costumi rispettabili. Chi sgarra è, naturalmente, "un cafone".

Leggi tutto: La rivoluzione rurale per una innovazione sociale.