guarda i video su

 


pubblica direttamente tu su

diventa un collaboratore

 

 

 Mercati CortoBio 

Tutti i sabati presso il Parco dei "Comboniani" a Como-Rebbio, dalle 8 alle 12, è allestito il "CortoBio", il mercato dei produttori biologici e locali (via Salvadonica 3)
 

 

 

 

 

 Il Parlamento indaghi sull'omicidio Pasolini

Salviamo le api

 

 

 

 

 

 

 

 

sfoglia la bacheca su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 Tesseramento 2018
.
 
 
 
 

25 APRILE – 1 MAGGIO: astensione al lavoro commercio

Como, 22 aprile 2017 – Migliaia di lavoratori del commercio trascorreranno le festività dietro una cassa, un bancone di salumeria o ad assistere la clientela nei camerini prova. A pochi giorni dalle festività del 25aprile e del 1 maggio abbiamo notizia di molti esercizi commerciali, grandi, medi e piccoli, aperti in queste date. Ricordiamo a tutti che il lavoro festivo nel commercio non può essere imposto dal datore di lavoro, e questo è confermato anche da diverse sentenze.
Non esiste obbligatorietà lavorativa per tutte le festività: invitiamo quindi gli addetti del comparto del commercio a non prestare la propria attività lavorativa e a rivolgersi ai sindacati. «A sei anni dal decreto “Salva Italia” del governo Monti – spiegano Ivan Garganigo e Biagio Carfagno, segretari provinciali di Filcams Cgil e Uiltucs Uil - possiamo dire che la liberalizzazione totale degli orari non ha incrementato l'occupazione e tantomeno rilanciato i consumi; i giganti della grande distribuzione in questi anni hanno ripetutamente aperto procedure di licenziamento collettivo e ancora chiedono sacrifici e riduzioni di salario ai propri dipendenti».


I sindacati chiedono una legge che regoli il caos delle liberalizzazioni totali e che la materia torni alle competenze regionali e comunali attraverso il confronto con le parti sociali, demandando ai territori la definizione di un “loro” modello sostenibile del commercio. «La strada delle aperture a oltranza – aggiungono - oltre a non migliorare le condizioni economiche e di vita delle lavoratrici e dei lavoratori del settore non ha prodotto effetti positivi nemmeno per le aziende, diversamente non si spiegherebbero i tanti licenziamenti nelle aziende del commercio. Ancora una volta ribadiamo la necessità di conciliare il proprio tempo di lavoro con gli impegni familiari e di coniugare le esigenze aziendali con quelle delle lavoratrici e dei lavoratori del settore (che già da anni lavorano la domenica e festività). La soluzione non è tenere i negozi sempre aperti; per questi motivi chiediamo alle imprese del settore di rispettare quanto da più parti è stato chiesto: tenete chiuso il 25 aprile e il 1maggio».

Per maggiori informazioni: Ivan Garganigo, segretario provinciale Filcams Cgil Como,  335.5989945

[http://www.cgil.lombardia.it/wp-content/uploads/2017/02/Con2Si_banner_email.png]<http://www.con2si.it>